Csango Web

 

Indietro

Guida ai beni (e ai mali) architettonici ecclesiastici dei paesi csango

I Csango usano dire "Csango vuol dire cattolico, e cattolico, qui, vuol dire Csango" (Végh 1988, p. 284). Per questo il patrimonio religioso csango é rappresentato per la maggior parte da manufatti di uso religioso. 

 

Klézse, Chiesa di San Francesco (1906), S. Lucia, vetrata 

Nonostante molto sia stato distrutto, soprattutto negli ultimi dieci anni, in ogni villaggio sono ancora numerose le marginette popolari, le chiese tradizionali, le cappelle in legno.
Le autoritá diocesane, infatti, con la scusa che le vecchie chiese risultano troppo piccole per l´esigenze liturgiche, hanno intrapreso la loro distruzione per far posto alla costruzione - principalmente con soldi francesi, svizzeri e italiani - di nuove mastodontiche e bruttissime chiese moderne. 

 

La nuova chiesa della Santa Croce di Bákó/Bacau, in costruzione (dal 1992) a ridosso della vecchia chiesa di S. Nicola da Bari (1850), che rimane schiacciata dal blocco di cemento e calcestruzzo

In questo parte del web abbiamo inserito i risultati della nostra indagine. 
L´Associazione Amici dei Csango ha avviato un progetto di catalogazione dei beni culturali ecclesiastici da difendere. 
I paesi csango cadono quasi tutti sotto la giurisdizione del vescovo di Jászvásár/Iasi, che non ha mai avuto dubbi sull´esigenza di schiacciare la cultura csango. Gli unici csango che sfuggono alla amministrazione diocesana di Iasi sono i Csango di Gymes, che - pur facendo parte dal 1950 della provincia di Bákó (prima faceva parte della provincia transilvana di Harghita) - appartengono alla diocesi romano-cattolica di Gyulafehervár/Alba Iulia, dove le autoritá diocesane collaborano pienamente allo sviluppo culturale e sociale dei Csango. 
Per questo motivo nelle parrocchie csango della diocesi di Gyulafehervár/Alba Iulia i beni culturali ecclesiasici sono maggiormente tutelati. 
La diocesi romano-cattolica di Jászvásár/Iasi si divide in nove decanati: 1) Bákó/Bacau;  2) Bucovina; 3) Jászvásár/Iasi; 4) Karácsonkö/Piatra Neamt; 5) Románvásár/Roman; 6) Szeret/Siret; 7) Traján/Traian; 8) Tátros/Trotus; 9) Vrancea.
Ma vediamo adesso i beni ecclesiastici csango per parrocchia, ordinate alfabeticamente secondo la toponomastica csango.
Acélfalva/Oteleni (dec. di Jászvásár)
Chiesa dei Santi Anna e Gioacchino: chiesa edificata nel 1954 in sostituzione di una precedente del 1838. Parrocchiale dal 1852.

Adjud = Egyedhalma

Adjudeni = Egyedfalva

Aknavásár/Targu Ocna (dec. di Tátros)
Chiesa della Nascita della Vergine Maria: chiesa edificata nel 1992 in sostituzione di una precedente del 1900. Parrocchiale dal 1985.
Egyedhalma/Adjud (dec. di Vrancea)
Chiesa tradizionale csango: esistente nel 1936(Luko 1936 (2002), distrutta per cause ignote.
Chiesa della Trasfigurazione di N.S. Gesú Cristo: edificata nel 1991
Egyedfalva/Adjudeni (dec. di Vrancea)
Chiesa tradizionale csango: esistente nel 1936(Luko 1936 (2002), distrutta per cause ignote.
Chiesa della Penecoste: edificata nel 1986 a sostituzione di precedenti luoghi di culto documentati fin dal 1776

Arini = Magyarfalu

Bacau = Bákó

Bákó/Bacau (dec. di Bákó)
Chiesa S. Nicola di Bari: bella chiesa edificata nel 1850, tra il palazzo decanale e la mastodontica nuova chiesa della S. Croce. Nonostante sia oppressa dalla mole in cemento della nuova chiesa, mostra ancora tutta la sua grazia di chiesa costruita con fede e non con prepotenza. All´esterno, ai lati dell´ingresso: sulla sinistra, statua di S. Francesco d´Assisi; sulla destra, statua di S Giuseppe

Chiesa di S. Nicola (1850) contro Chiesa della Santa Croce (1992)

Interno: il presbiterio é decorato da una Ultima cena; sull´altar maggiore statua di S. Nicola di Bari; ai lati S. Cuore di Gesú e Maria Vergine. A sinistra del presbiterio, statua della Madonna del S. Rosario; a destra del presbiterio, statua di Sant´Antonio da Padova;  sulla parete sinistra della navata, statua di S. Giuseppe; sulla parete destra della navata, statua di S. Teresa; all´ingresso, statua di S. Cecilia.
Chiesa del beato Geremia di Valacchia: edificata nel 1991, é dedicata al beato Geremia di Valacchia.
Chiesa della Santa Croce: edificata a partire dal 1992, non ancora finita. L´esterno sembra, con queste superfici tagliate geometricamente e non finite, un´astronave dei marziani; l´interno, con questa ricerca del monumentale a tutti i costi, un mausoleo stalinista. A maggior gloria dei finanziatori e dei committenti!

 

   

Chiesa della Santa Croce (1992), interno

Vedute dell´esterno della chiesa della Santa Crove (1992)

 

Baltati (dec. di Jászvásár)
Chiesa della Pentecoste: chiesa edificata nel 1932 in sostituzione di una precedente del 1910. Parrocchiale dal 1969. 

Balusesti = Balázsfalva

Balázsfalva/Balusesti (dec. di Románvásár)
Chiesa della Nativitá della Beata Vergine Maria: chiesa edificata nel 1977 in sostituzione di una precedente del 1856. 

 

Vecchia chiesa del 1856 demolita.

 

Barati = Barát

Barát/Barati (dec. di Bákó)
Chiesa di Santo Spirito: chiesa edificata nel 1927 in sostituzione di una precedente del 1745. Parrocchiale dal 1981.
Chiesa di Kúsbikk/Magura: in costruzione.

Barticesti = Bartyák

Bartyák/Barticesti (dec. di Szeret)
Chiesa di San Giuseppe lavoratore: chiesa edificata nel 1893 in sostituzione di una precedente del 1832. 

Bejghiru = Újfalu

Birófalva/Gheraesti (dec. di Románvásár)
Chiesa di Corpus Domini: chiesa edificata nel 1986 in sostituzione di una precedente del 1762. Parrocchiale dal 1868.
Bogdánfalva/Valea Seaca (dec. di Bákó)
Chiesa della Beata Vergine Maria: chiesa edificata nel 1984 in sostituzione di precedente del 1600. Parrocchiale dal 1778.

 

 

 

 

 

La vecchia chiesa.

 

Campo Neumann: nei pressi di Bogdanfalva si trova un terreno detto "Campo Neumann". Qui abitava con altri confratelli il padre francescano Petrus Matthias Neumann, uno degli ultimi sacerdoti ad usare la lingua ungherese con i fedeli csango, nonostante i decreti draconiani dei vescovi di Jászvásár (1893 e 1915) e del prefetto di Bákó (1938). Qui venivano da tutta la Moldavia i csango che non parlavano rumeno per potersi confessare. Qui sorgeva una chiesa tradizionale in legno da tempo distrutta.

 

Padre Petrus Matthias Neumann e la sua chiesa in legno nei pressi di Bogdanfalva (oggi distrutta)

Borzesti = Borzfalva

Borzfalva/Borzesti (dec. di Tátros)
Chiesa tradizionale di tipo ungherese: mancano dati sulla fondazione.

Link sulla chiesa di Borzafalva: http://en.wikipedia.org/wiki/Borze%C5%9Fti_Church 

Link su Borzfalva: http://en.wikipedia.org/wiki/Borze%C5%9Fti 

 

 

 

 

Borzafalva, Chiesa tradizionale

Chiesa della Trasfigurazione: mancano dati sulla fondazione. Filiale della parrocchiale di Ónfalva/Onesti dal 1956.
Botosán/Botosani (dec. di Bucovina)
Chiesa di San Giovanni Battista: chiesa edificata nel 1872 in sostituzione di una precedente del 1847 ad uso delle comunitá cattoliche di lingua ungherese, tedesca e polacca. 
Chiesa di S. Giuseppe  (Dorohoi): hiesa edificata nel 1905 in sostituzione di una precedente del 1850.

Brusturoasa = Brusztulóza

Brusztulóza/Brusturoasa (dec. di Karácsonkö)
Chiesa dei Santi Pietro e Paolo apostoli: chiesa edificata nel 1992-95.

Buhonca = Pohánka

Buruienesti = Burjánfalva

Burjánfalva/Buruienesti (dec. di Karácsonkö)
Chiesa di San Giuseppe: chiesa edificata nel 1937 in sostituzione di precedente del 1864.

Butea = Miklósfalva

Bogáta/Ciresoaia (dec. di Tátros)
Chiesa di Sant´Anna: chiesa edificata nel 1922 in sostituzione di precedente del 1841. Parrocchiale dal 1968.

Calugareni = Kalugarén

Chetris = Ketris

Ciresoaia = Bogáta

Ciucani = Csík

Ciughes = Csúgés

Cleja = Klézse

Comanesti = Kománfalva

Cotnari = Kotnár

Csík/Ciucani (dec. di Bákó)
Chiesa di Santa Maria Maddalena: chiesa edificata nel 1991 in sostituzione di precedente del 1704. Parrocchiale dal 1995.
Csúgés/Ciughes (dec. di Karácsonkö)
Chiesa di S. Maria a Zapezi: chiesa edificata nel 2000 in sostituzione di precedente del 1880. Parrocchiale dal 1784.

Darmanesti = Dormánfalva

Diósafalu/Gioseni (dec. di Traján)
Chiesa di S. Giovanni Battista: chiesa edificata nel 1977 in sostituzione di una precedente del 1480. Parrocchiale dal 1948.
Crocifisso ligneo csango: opera artigianale di gran pregio, espressione di genuina fede contadina.

 

 

 

 

Dioszég/Tuta (dec. di Tátros)
Chiesa di S. Maria Regina del Rosario: chiesa edificata nel 1936 in sostituzione di precedente del 1866. Parrocchiale dal 1987.

Dofteana = Doftána

Doftána/Dofteana (dec. di Tátros)
Chiesa di S. Michele Arcangelo: chiesa edificata nel 1997 in sostituzione di precedente del 1850. Parrocchiale dal 1990.
Domafalva/Rachiteni (dec. di Szeret)
Chiesa di Sant´Antonio da Padova: chiesa edificata nel 1935 in sostituzione. Parrocchiale dal 1750.
Dormánfalva/Darmanesti (dec. di Karácsonkö)
Chiesa del Santissimo Cuore di Gesú: chiesa edificata nel 1928 in sostituzione di precedente del 1813. Parrocchiale dal 1853.

Dorohoi : vedi sotto Botosán

Esztufuj/Stufu (dec. di Tátros)
Chiesa di San Michele Arcangelo: chiesa edificata nel 1940. Parrocchiale dal 1940.

Falticeni = Folticsén

Faraoani = Forrófalva

Farcaseni = Farkasfalva

Farkásfalva/Farcaseni (dec. di Jászvásár)
Chiesa della Dormitio di Nostro Signore: chiesa edificata nel 1995 in sostituzione di precedente del 1927. Parrocchiale dal 1951.
Felsörekecsin/Fundu Racaciuni (dec. di Bákó)
Chiesa di S. Maria Vergine, protettrice dei Cristiani: chiesa edificata nel 1930 in sostituzione di precedente del 1807. Parrocchiale dal 1941.
Ferdinand/Gheraesti Noi (dec. di Szeret)
Chiesa della Madonna del Rosario (S. Maria Vergine, Regina dele mese di Maggio): chiesa edificata nel 1958 in sostituzione di una precedente del 1846. 

Focsani = Foksán

Folticsén/Falticeni (dec. di Bucovina)
Localitá tradizionalmente abitata da tedeschi, ungheresi e valacchi.
Chiesa di S. Antonio da Padova: chiesa edificata nel 1858. Parrocchiale dal 1950.
Rovine della Cattedrale cattolica di Moldvabánya/Baia (a 7 km a Sud-Ovest, lungo il fiume Moldova):  la chiesa venne costruita nel 1410-1415 dal vojvoda Alexandru cel Bun in aggiunta al convento fondato da Margherita, madre ungherese del vojvoda Petru Musat (1374-1392). Lo stile della chiesa é gotico transilvano. A navata unica, con l´abside ad Est, torre campanaria in facciata. Moldvabánya/Baia fu la prima capitale della Moldavia: http://www.bucovinaturism.ro/manastire_20.html 

Le rovine della cattedrale di Moldvabánya

Foksán/Focsani (dec. di Vrancea)
Chiesa dei Santi Pietro e Paolo apostoli: chiesa edificata nel 1992 n sostituzione di precedente del 1846. Parrocchiale dal 1852.
Formoza/Frumoasa (dec. di Karácsonkö)
Chiesa di Santa Maria Maddalena: chiesa edificata nel 1962 in sostituzione di precedente del 1870. Parrocchiale dal 1952.
Forrófalva/Faraoani (dec. di Bákó)
Localitá citata nei documenti archivistici fin dal 1474. Qui venne compilata nel 1671 la famosa raccolta di preghiere csango ungheresi di 767 pagine.

 

Forrófalva, Chiesa di S. Antonio da Padova

"Forrófalvi imádságos könyv", Forrófalva, 1671, manoscritto

Chiesa di S. Antonio da Padova: chiesa edificata nel 1965 in sostituzione di precedente del 1730. Parrocchiale dal 1730.

 

 

Chiesa del cimitero: bellissima chiesa in legno risalente al XIX secolo.

 

 

 

Quattro immagini della Chiesa del cimitero di Forrófalva e dell´area cimiteriale annessa: facciata; lato destro (nel 2002); lato destro (nel 1996, con croci lignee accatastate per esser bruciate); resti di croci bruciate (forse perché recanti scritte in lingua ungherese?)

Frumoasa = Formoza

Gaiceana = Gajcsána = Magyarfalu

Galbeni = Trunk

Gheorghe Doja = Újfalu

Gheraesti = Birófalva

Gheraesti Noi = Ferdinand

Gioseni = Diósfalu

Gorzafalva/Oituz (dec. di Tátros)
Chiesa della Santissima Trinitá: chiesa edificata nel 1924 in sostituzione di una precedente del 1734. Parrocchiale dal 1854.
Gyimesbúkk (diocesi di Gyulafehérvár)
Museo etnografico: raccoglie una collezione completa di oggetti testimonianti la vita dei csango di Gyimes. Di interesse religioso troviamo icone, santini, croci di uso domestico. 

Le collezioni del museo

a) La fondatrice e curatrice del museo Mária Tankó, insieme a András Deaki, animatore della vita csango a Gyimesbukk; b) l´interno del museo

  
Gyimeskozépsólak (diocesi di Gyilafehérvár)
Liceo Teologico S. Elisabetta d´Ungheria: scuola edificata per dare un istruzione alle popolazioni locali csango e székely. I giovani giungono qui da tutti i paesi csango della Moldavia. Qui possono imparare anche l´ungherese, cosa che non viene garantita in Moldavia. Dedicata alla santa ungherese, protettrice dei laici francescani, Santa Elisabetta d´Ungheria.

 

 

 

Halaucesti = Halas

Halas/Halaucesti (dec. di Szeret)
Chiesa della Nativitá della Vergine Maria: chiesa edificata nel 1940 in sostituzione di una precedente del 1759. Parrocchiale dal 1774.

Horgesti = Horgest

Horgest/Horgesti (dec. di Traján)
Chiesa della Dormitio di Nostra Signora: chiesa edificata nel 1930 in sostituzione di una precedente del 1870. Parrocchiale dal 1986.

Horlesti = Horlest

Horlest/Horlesti (dec. di Jászvásár)
Molte delle attuali famiglie csango del paese giunsero qui nel 1790 dai villaggi di Miklósfalva, Szabófalva, Birófalva e Kotnar.
Chiesa del Corpus Domini: chiesa edificata nel 1994 in sostituzione di una precedente del 1776. Parrocchiale dal 1891.

Husi = Husz

Husz/Husi (dec. di Jászvásár)
Cittadina fondata dagli Ussiti ungheresi, ancora in maggioranza ai tempi della visita (1646-47) del missionario francescano osservante Marcus Bandulovíc (detto Bandinus; Skopje, ? - Bákó, 1650).

 

Jan Huss (1370-1415), riformatore boemo recentemente riabilitato anche dalla Chiesa romano-cattolica 

Chiesa di S. Antonio da Padova: chiesa edificata nel 1990 in sostituzione di una precedente del 1938. Parrocchiale dal 1986.

Iasi = Jászvásár

Jászvásár/Iasi (dec. di Jászvásár)
Cittá fondata dai Iasi, popolazione indo-europea di origine iranica che invase a piú riprese la regione. La prima testimonianza di attivitá cattolica risale al 1232, quando un certo padre Pósa della consorteria dei Kalán, futuro vescovo di Bosnia (dal 1272), risulta priore del locale convento domenicano, nonché missionario per la conversione delle popolazioni asiatiche della Cumania. Nel XV secolo la cittá vive un certo sviluppo economico come posto doganale sulla strada per Suceava/Szucsáva. La cittá fu capoluogo tra 1565 e 1852 del principato di Moldavia, feudatario dell´Impero ottomano. Nel 1685 venne saccheggiata dal re polacco Giovanni Sobieski. Nel 1859 fu capitale dei principati uniti di Moldavia e Valacchia. Nel 1862 la capitale fu traferita a Bucuresti. Nel 1866 venne stampato qui il primo catechismo in lingua ungherese e rumena per i Csango cattolici di Moldavia. Nel 1884 venne istituito il vescovato di Jászvásár, sottoposto alla Congregazione di Propaganda Fide e con giurisdizione su tutta la Moldavia, la Bessarabia e la Bucovina. Nel 1893 il primo vescovo di Jászvásár, il marchigiano (nato a Monterubbiano nel 1840) Nicola Giuseppe Camilli, vietó l´uso della lingua ungherese. Dopo le proteste dei csango, Nicola Giuseppe Camilli, nel frattempo divenuto arcivescovo, nel 1915 tornó a ribadire il divieto dell´uso della lingua ungherese. Nel 1948 il governo comunista tolse il vescovato di Jászvásár dal controllo della Congregazione romana e lo subordinó all´Arcivescovo di Bucuresti. Da allora la situazione é immutata.

Josef Salandar OFM Conv., Katehismul elementar, Iasi, 1866

 

 

 

Chiesa cattedrale della Dormitio di Nostra Signora: chiesa edificata nel 1789. Parrocchiale dal 1818. Architettonicamente simile alla Chiesa di S. Nicola di Bari di Bákó.
Edificio in costruzione presso il vescovato (futura cattedrale?): simile ad un palazzetto dello sport, ospita regolarmente le S. Messe (con l´altare maggiore stipato sotto le gradinate). Speriamo che non sia la futura cattedrale! 

 

Interno dell´edificio in costruzione

 

Chiesa di Sant´Antonio da Padova: costruita nel 1995. Parrocchiale dal 1996.
Chiesa di Santa Teresa del Bambin Gesú: costruita nel 1992. Parrocchia dal 1995.

Iugani = Jugán

Jugán/Iugani (dec. di Szeret)
Chiesa di S. Beata Vergine Maria: chiesa edificata nel 1863. Parrocchiale dal 1951.
Carta del paese di Jugán

Izvoare-Bacau = Izvora

Izvora/Izvoare (dec. di Bákó)
Chiesa di S. Francesco d´Assisi: chiesa edificata nel 1948 in sostituzione di una precedente del 1886. Parrocchiale dal 1886.
Kalagor/Luizi Calugara (dec. di Bákó)
Centro in cui forte é l´influsso culturale székely. 
Chiesa dell´Esaltazione della S. Croce: chiesa edificata nel 1941 in sostituzione di una precedente del 1741. Parrocchiale dal 1741. Nel luglio 2002 é stato possibile una tantum dire una messa in lingua ungherese (senza peró il diritto di avvertire il popolo e senza poter suonare le campane): la chiesa era quasi piena di fedeli csango costretti a vivere 

la loro fede cattolica in clandestinitá dalle autoritá cattoliche!

      

  Due immagini (interno ed esterno) della Chiesa parrocchiale di Kalagor e lo stendardo che il popolo csango di Kalagor porta in processione a Csiksómlyo

Kalugarén/Calugareni (dec. di Traján)
Chiesa della Trasfigurazione: chiesa edificata nel 1975 in sostituzione di precedente del 1947.
Karácsonkö/Piatra Neamt (dec. di Karácsonkö)
Popolazione di origine ungherese e sassone.
Chiesa di S. Teresa del Bambino Gesú: in costruzione. Parrocchiale dal 1996.
Chiesa tradizionale: documentata esistente negli anni ´30 del XX secolo.
Kelgyest/Pildesti (dec. di Románvásár)
Chiesa della Dormitio Virginis: chiesa edificata nel 1893 in sostituzione di precedente del 1830. Parrocchiale dal 1950.
Ketris/Chetris (dec. di Traján)
Chiesa di S. Michele Arcangelo: chiesa edificata nel 1922 in sostituzione di precedente del 1836. Parrocchiale dal 1986.
Klézse/Cleja (dec. di Bákó)
Chiesa di S. Francesco d´Assisi: chiesa edificata nel 1906 in sostituzione di precedente del 1811. Parrocchiale dal 1793.

La chiesa di San Francesco

 

Portale della Chiesa di San Francesco

 

 

Chiesa di San Francesco, vetrata, S. Giuseppe

 

Chiesa di San Marco Evangelista: sorge in localitá Buda ed é stata edificata nel 1993 nei pressi del cimitero.

 

 

 

  Chiesa di S. Marco
Kománfalva/Comanesti (dec. di Karácsonkö)
 Chiesa di Sant´Antonio da Padova: chiesa edificata nel 1925. Parrocchiale dal 1989.
Kotnár/Cotnari (dec. di Jászvásár)
Chiesa della Santa Croce: chiesa edificata nel 1985 in sostituzione di precedente del 1500. Parrocchiale dal 1599.

Lespezi = Lészped

Lészped/Lespezi (dec. di Bákó)
Chiesa di Sant´Anna: chiesa edificata nel 1987 in sostituzione di una precedente del 1830, rasa al suolo per far posto all´attuale chiesa assai brutta (particolarmente la facciata con due enormi scalinate laterali ed una apertura centrale piú adatta ad una rimessa di autobus che ad una chiesa). Parrocchiale dal 1946.

 

 

 

La graziosa vecchia chiesa di Sant´Anna del 1830, demolita nel 1987 per far posto alla chiesa nuova.

La mastodontica nuova chiesa di Sant´Anna (1987)

 

Luizi Calugara = Kalagor

Luncasi = Lunkás

Lunkás/Luncasi (dec. di Szeret)
Chiesa di S. Massimiliano Maria Kolbe: chiesa edificata nel 1938. Parrocchiale dal 1989. Da verificare che titolatura avesse prima dell´attuale a S. Massimiliano Kolbe. 

Mogosesti-Siret = Magosfalva

Magosfalva/Magosesti-Siret (dec. di Szeret)
Chiesa di SS. Cuore di Gesú: chiesa edificata nel 1922. Parrocchiale dal 1980.
Magyarfalu/Arini (giá Unguri; dec. di Románvásár)
Chiesa tradizionale csango di Gajcsána: esistente giá nel 1936 (Luko 1936 (2002). Ancora negli anni ´30 del XX secolo nel paese girava la voce che l´insediamento risalisse ai tempi del re S. Ladislao d'Ungheria. La chiesa dovrebbe ancora esistere e in essa dovrebbe trovarsi una tela raffigurante S. Stefano d´Ungheria.

 

 

Gajcsána, Chiesa tradizionale, Santo Stefano d´Ungheria

Chiesa della Nativitá di Nostra Signora: edificata nel 1981, su precedente del 1910. Parrocchiale dal 1960.
Miklósfalva/Butea (dec. di Szeret)
Localitá giá documentata nel 1472.
Chiesa della Santissima Trinitá: chiesa edificata nel 1980 in sostituzione di precedente del 1864. Parrocchiale dal 1789.

La casa parrocchiale dove si educano le nuove gerarchie ecclesiastiche

Educande a Miklósfalva mostrano la propria "fede nazionale"

 

 

La Chiesa della SS. Trinitá vista in lontananza.

Durante le cerimoinie religiose, nonostante la dimensioni monumentali delle nuove chiese, molti dei fedeli csango rimangono fuori.

Moinesti = Mojnest

Moldvabánya = vedi sotto Folticsén

Mojnest/Moinesti (dec. di Karácsonkö)
Chiesa dell´Esaltazione di N. Signore: chiesa edificata nel 1820. Parrocchiale dal 1955.
Nagypatak/Valea Mare (dec. di Bákó)
Chiesa di S. Michele: chiesa edificata nel 1924 in sostituzione di precedente del 1820. Parrocchiale dal 1953.

Nicolae Balcescu = Újfalu

Nicoresti = Szitás

Oituz = Gorzafalva

Onesti = Ónfalva

Ónfalva/Onesti (dec. di Tátros)
Chiesa di SS. Apostoli Pietro e Paolo: chiesa edificata nel 1920 in sostituzione di una precedente del 1850. Parrocchiale dal 1956.

Oteleni = Acélfalva

Pargaresti = Szólóhegy

Piatra Neamt = Karácsonkö

Pildesti = Kelgyest

Ploszkucén/Ploscuteni (dec. di Vrancea)
Chiesa di : chiesa edificata nel  in sostituzione di precedente del . Parrocchiale dal .
Pohánka/Buhonca (dec. di Románvásár)
Chiesa dell´Esaltazione della S. Croce: edificata nel 1930 su precedente del 1900. Parrocchiale dal 1995.

   

Interno

Esterno

Prála/Pralea (dec. di Tátros)
Chiesa dello Sposarilio della Vergine: chiesa edificata nel 1979 in sostituzione di precedente del 1888. Parrocchiale dal 1984.

Pralea = Prála

Prajesti = Prezest

Prezest/Prajesti (dec. di Traján)
Chiesa della Santissima Trinitá: chiesa edificata nel 1878 in sostituzione di precedente del 1804. Parrocchiale dal 1818.

Pustiana = Pusztina

Pusztina/Pustiana (dec. di Karácsonkö)
Secondo la tradizione locale, l´insediamento venne autorizzato dal vojvoda Stefano il Grande ed avviato con popolazioni ungheresi, sassoni e székely (quest´ultimi giunti anche nel XVIII secolo). 
Chiesa di Santo Stefano d´Ungheria: chiesa edificata nel 1937 in sostituzione di una precedente del 1780. Parrocchiale dal 1880. Questa chiesa conserva ancora la originaria titolatura a Santo Stefano primo re d´Ungheria grazie alle resistenza opposta dalla locale popolazione csango ai ripetuti tentativi delle autoritá ecclesiastiche di cambiarne la dedicazione. 

Rachiteni = Domafalva

Románvásár/Roman (dec. di Románvásár)
Chiesa di S. Teresa del Bambin Gesú: chiesa edificata nel 1942. Parrocchiale dal 1952.
Chiesa del Cuore preziosissimo della Santissima Vergine: chiesa edificata nel 1995, elevata a parrocchia nel 1996.
Chiesa del beato Geremia di Valacchia: elevata a parrocchia nel 1999. Edificio di costruzione imprecisata. Dedicata al beato Geremia di Valacchia.
Rotunda (dec. di Románvásár)
Chiesa di San Francesco d´Assisi: chiesa edificata nel 1972 in sostituzione di precedente del 1890. Parrocchiale dal 1958.

Sagna = Szágna

Sabaoani = Szabófalva

Sarata = Szerata

Schineni = Szkinén

Siret = Szeredvásár

Slanic Moldova = Szalánc

Somoska/Somusca (dec. di Bákó)
Chiesa di S. Luca: chiesa edificata nel 1990 in sostituzione di precedente del 1902. Parrocchiale dal 1968.

Somusca = Somoska

Stefan cel Mare = Szárazpatak

Stufu = Esztufuj 

Suceava = Szucsáva

Szabófalva/Sabaoani (dec. di Románvásár)
In questo paese nel 1856 venne eletto un deputato csango al "Divan" moldavo di nome János Rab. A causa dell´intervento delle autoritá rumene, János Rab non poté mai esercitare il suo mandato, che venne attribuito ad un ortodosso. Tutto era nato con i trattati di Parigi post guerra di Crimea durante i quali la Moldavia ottenne il Sud della Bessarabia e venne obbligata ad organizzare un "Divan", Assemblea Nazionale da far eleggere al popolo.
Le elezioni per l´Assemblea Nazionale Moldava si svolsero nel 1856 e a Szabófalva venne eletto un csango di nome János Rab. Il prefetto di Bákó e il vescovo ortodosso intervennero per togliere al cattolico il seggio nel "Divan".
Da questo atto di ingiustizia nacque peró un ampio dibattito che vide ambienti progressisti moldavi impegnarsi per dare ai csango i pieni diritti. Purtroppo tale battaglia non ebbe alcun esito.
Pianta del centro storico di Szabófalva
Chiesa di San Michele Arcangelo: chiesa edificata nel 1902 in sostituzione di precedente del 1643. Parrocchiale dal 1862. Probabilmente da questa chiesa provengono quelle tre sculture, raffiguranti S. Stefano d´Ungheria e i SS. Apostoli Pietro e Paolo, che qualche contadino ha salvato dalla distruzione operata dai preti e le ha amorevolmente collocate in una nicchia in pietra ai confini della parrocchia di Szabófalva. Szabófalva, S. Stefano d´Ungheria, S. Pietro e S. Paolo
Cimitero: croci csango in legno con scritte in ungherese. 

 

 

 

 

 

Szabófalva, croce di legno
Szágna/Sagna (dec. di Románvásár)
Chiesa dell´Esaltazione di Nostro Signore : chiesa edificata nel 1904 in sostituzione di precedente del 1830. Parrocchiale dal 1949.
Szalánc/Slanic Moldova (dec. di Tátros)
Chiesa della Dormitio di Nostra Signora: chiesa edificata nel 1947. Parrocchiale dal 1990.
Szerata/Sarata (dec. di Bákó)
Chiesa di San Michele Arcangelo: chiesa edificata nel 1974 in sostituzione di precedente del 1925. Parrocchiale dal 1997.
Szárazpatak/Stefan cel mare (dec. di Tátros)
Chiesa di Pentecoste: chiesa edificata nel 1992. Parrocchiale dal 1994.
Szeredvásár/Siret (dec. di Bucovina)
Chiesa della Nativitá della Santa Vergine Maria: chiesa edificata nel 1800 in sostituzione di precedente del 1371.
Szitás/Nicoresti (dec. di Tátros)
Chiesa di S: chiesa edificata nel in sostituzione di una precedente del . Parrocchiale dal .
Szkinén/Schineni (dec. di Traján)
Chiesa di S. Teresa del Bambin Gesú: chiesa edificata nel 1923 in sostituzione di precedente del 1890. Parrocchiale dal 1967.
Szólóhegy/Pargaresti (dec. di Tátros)
Villaggio citato giá nei documenti del 1448.
Chiesa di S. Maria Vergine: chiesa edificata nel 1988 in sostituzione di una precedente del 1790. Parrocchiale dal 1987.
Szucsáva/Suceava (dec. di Bucovina)
Chiesa di S. Giovanni Nepomuceno: chiesa edificata nel 1820 in sostituzione di una precedente del 1599. Parrocchiale dal 1786.
Chiesa di Santa Elisabetta d´Ungheria a Itcani: chieda costruita nel 1902 ed intitolata alla patrona dei terziari laici francescani, Santa Elisabetta d´Ungheria. 

Tarata = Szépavásár

Targu Ocna = Aknavásár

Targu Trotus = Tátros

Tátros/Targu Trotus (dec. di Tátros)
Chiesa del Cuore e Sangue di Gesú : chiesa edificata nel 1885 in sostituzione di una precedente del 1571. Parrocchiale dal 1600.
Terebes/Trebes (dec. di Bákó )
Chiesa di S. Isidoro contadino : chiesa edificata nel 1974 in sostituzione di precedente del 1912 . Parrocchiale dal 1991 .

Traian = Traján

Traján/Traian (dec. di Románvásár)
Chiesa di S. Giuseppe: chiesa edificata nel 1977 in sostituzione di precedente del 1912. Parrocchiale dal 1969.

Trebes = Terebes

Trunk/Galbeni (dec. di Traján)
Chiesa di S. Giuseppe: chiesa edificata nel 1984 in sostituzione di precedente del 1905. Parrocchiale dal 1984.

Tuta = Dioszég

Újfalu/Bijghir (dec. di Traján)
Chiesa tradizionale csango: esistente nel 1936 (Luko 1936 (2002), distrutta per cause ignote.
Chiesa dell´Addolorata: chiesa edificata nel 1955. Parrocchiale dal 1968.
Újfalu/Gheorghe Doja (dec. di Bákó)
Chiesa di S. Teresa del Bambin Gesú: chiesa edificata nel 1907 . Parrocchiale dal 1968.
Újfalu/Nicolae Balcescu (dec. di Bákó)
Chiesa del SS. Cuore di Gesú: chiesa edificata nel 1978 in sostituzione di una precedente del 1923. Parrocchiale dal 1957.

Valea Mare = Nagypatak

Valea Seaca = Bogdanfalva

Vizánta/Vizantea (dec. di Vrancea)
Chiesa della Dormitio Virginis: chiesa edificata nel 1813. Parrocchiale dal 1978.

Vizantea = Vizánta

Vladnic = Lábnik

Lábnik/Vladnic (dec. di Traján)
Chiesa di S. Anna: chiesa edificata nel 1978 in sostituzione di precedente del 1836. Parrocchiale dal 1977.

Copyright "Associazione Amici dei Csango" (Roma, Italy) - 2001